Un trip lungo una stagione: Euphoria season 2 

Già dalla prima stagione, uscita nel 2019, avevamo capito verso che direzione sarebbe andata la storia di Rue (Zendaya). In un turbinio di droghe sempre più pesanti Rue, una diciassettenne fortemente disturbata incontra un nuovo amico, Elliot (Dominik Fike) al quale chiede di nascondere il segreto della sua ricaduta dalla fidanzata Jules (Hunter Shafer).

Parallelamente Maddy (Alexa Demie) e Nate (Jacob Elordi) continuano la loro relazione tossica con intervalli di fidanzamento e altri separati, creando equilibri instabili con tutti i loro amici e chi gli sta incontro. 

La serie, che mostra il lato peggiore dell’adolescenza apre però anche uno spaccato sulle difficoltà che si incontrano crescendo dovuti ai propri genitori, per Rue la perdita del padre, per Nate avere un padre violento e per Cassie (Sydney Sweeney) e Lexi (Maude Apatow)  la madre alcolizzata. Questi problemi si sommano a quelli dei normali adolescenti creando un sistema tossico e sconvolgente che li porta inevitabilmente l’uno verso l’altra tramite relazioni violente e amicizie appese ad un filo. 

Una serie sicuramente pesante da vedere e a tratti deprimente i cui tratti distintivi sono sicuramente la regia molto artistica e dalla colonna sonora incredibile e tantissimi glitter. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.