Winnie the Pooh diventa horror

L’orsacchiotto del miele che ha accompagnato tutti i bambini durante la loro infanzia prende una sfumatura horror nel film Winnie-the-pooh: Blood and Honey. Un totale capovolgimento dei personaggi, i quali passano dall’essere i più innocenti al mondo ai più aggressivi e cattivi che si siano mai visti. 

Un’idea audace che può funzionare, come può rivelarsi completamente sbagliata, ma non partiamo con pregiudizi e scopriamo meglio questo nuovo progetto.

I problemi sul nome

Il primo grande problema si è presentato quando si è dovuto dare il nome al film. I trattini tra le parole, infatti, non sono stati inseriti a caso, ma per necessità. La Disney detiene i diritti sul nome di Winnie the Pooh, il quale non può essere usato senza l’autorizzazione di quest’ultima. Siccome il rendere sanguinoso un personaggio simile non sarebbe mai stato approvato, si è optato per mettere i trattini nel nome, così facendo la Disney non può intervenire. 

Trama e trailer di Winnie-the-pooh: Blood and Honey

Pooh e Pimpi diventano cattivi ed iniziano una carneficina come sorta di vendetta nei confronti di Christopher Robin, il quale abbandona i due personaggi per andare al college, questo secondo quanto riportato da IMDb.

Dal trailer vediamo come il personaggio di Winnie-the-pooh sia senza pietà e voglia vendicarsi dell’abbandono di Christopher. Questa vendetta viene effettuata colpendo il ragazzo dove fa più male, uccidendo le persone a cui tiene.

Essendo un film indipendente, il cast non si compone di stelle hollywoodiane, ma bensì di attori meno conosciuti. Questo non vuol dire che le performance saranno meno significative, anzi, a giudicare dalle immagini del trailer questo film non avrà nulla di meno rispetto agli altri sotto il punto di vista recitativo. 

Alla regia c’è Rhys Frake-Waterfield, il quale ha già preso parte, in veste di produttore, ad un film dove una figura tanto amata dai bambini viene ripresa in chiave horror: Easter Killing. Il film rende un personaggio horror e cruento il coniglietto pasquale.

Cosa ne pensate di questa idea? Può funzionare questo progetto? Fatecelo sapere, come al solito, con un commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *